Get Adobe Flash player

"Meticolosamente addestrato, un uomo, può diventare il migliore amico di un cane.  (Ford)

 

News24h

Anziano patteggia la pena...

Ha patteggiato la pena, l’84enne pensionato protagonista di un atroce caso di maltrattamento

Leggi tutto...

LAV: Sperimentazioni

“Sono state rese pubbliche le statistiche riguardanti il numero di animali usati per fini sperimentali nel 2015.

Leggi tutto...

Pasqualino...

Non ce l’ha fatta a sopravvivere Pasqualino, il cagnolino trovato

Leggi tutto...

Non solo Cinofilia

Sti nobili...

Un barone inglese invita un amico a trascorrere qualche giorno di vacanza nel proprio castello. 

Una mattina i due vanno a caccia ed il barone

Leggi tutto...

Progetti Pet-Therapy

Cosa intendiamo per Pet-Therapy:
Secondo l’approccio zooantropologico l’animale, se riconosciuto come partner dialogico, ossia come alterità (soggetto-diverso), è in grado di dare contributi di cambiamento alla persona. La pet therapy è una co-terapia ovvero un intervento di facilitazione terapeutica che aiuta il paziente a raggiungere gli obiettivi terapeutici vigenti attraverso specifiche sedute dove vengono implementate particolari attività di relazione con il pet.

In accordo con i principi di sussidiarietà la pet therapy non si propone come sostitutiva o alternativa alla terapia vigente né mette in discussione gli obiettivi che il medico curante ha individuato e che sta perseguendo. In qualità di intervento di facilitazione terapeutica, in termini di efficacia (maggiore rispondenza) ed efficienza (minor dispendio di risorse) la pet therapy non aggiunge nuovi obiettivi. Nel programmare gli obiettivi di un progetto il proponente sceglie uno o due obiettivi all’interno di quelli indicati dal medico curante.

Questa impostazione è stata definita da un documento, “Carta Modena 2002”, che stabilisce alcuni principi e valori importanti a tutela dell’animale – per esempio un animale coinvolto in progetti zooantropologici non può essere inserito in una filiera zootecnica – a tutela del fruitore e a tutela del principio di relazione. Il documento Carta Modena 2002 è stato promosso dalla SIUA e ha visto il patrocinio del Ministero della Salute nonché di importanti enti quali la Federazione Nazionale degli Ordini dei Veterinari Italiani.

Si organizzati progetti in cui vengono coinvolti i cani. I progetti possono avere un contributo didattico e educativo, che assistenziale. Nel primo caso la sede principale è la scuola, dove si organizzano progetti didattici con bambini di varie età. In questo caso, in modo divertente e coinvolgente, spieghiamo il giusto approccio con il cane, imparare a conoscere il suo linguaggio.

Altri progetti di natura co-terapica, vengono realizzati in luoghi dove possibile svolgere l’attività. Le strutture sono molteplici. Lavoriamo con bambini, adulti, anziani con vari disturbi, utilizzando cani sicuri e certificati.

Per informazioni più dettagliate inviate una mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.