Get Adobe Flash player

"Meticolosamente addestrato, un uomo, può diventare il migliore amico di un cane.  (Ford)

 

News24h

Anziano patteggia la pena...

Ha patteggiato la pena, l’84enne pensionato protagonista di un atroce caso di maltrattamento

Leggi tutto...

LAV: Sperimentazioni

“Sono state rese pubbliche le statistiche riguardanti il numero di animali usati per fini sperimentali nel 2015.

Leggi tutto...

Pasqualino...

Non ce l’ha fatta a sopravvivere Pasqualino, il cagnolino trovato

Leggi tutto...

Non solo Cinofilia

Sti nobili...

Un barone inglese invita un amico a trascorrere qualche giorno di vacanza nel proprio castello. 

Una mattina i due vanno a caccia ed il barone

Leggi tutto...

Premio alimentare che mi viene elargito in piccole quantità ogni volta che faccio qualcosa che migliora la mia integrazione nel gruppo sociale.

 La situazione tipo: Ogni volta che il cane sta calmo il suo partner umano gli dà un bocconcino.

  Cosa pensa il cane: < Ho capito che se sto calmo tu mi premi >.


Il consiglio dell’Etologo

L’apprendimento per conseguenza rappresenta uno dei modi più semplici per insegnare al cane un particolare comportamento gradito. L’apprendimento può avvenire attraverso:

La Serendipity: il cane, mosso da una sua esplorazione o modalità interattiva, mette in atto un’espressione, che arriva al suo compagno umano in maniera casuale, e questi la premia se utile-corretta;
L’ingaggio: Il partner umano focalizza l’attenzione del cane su un obiettivo e crea un problema che deve superare per tentativi, andandolo a premiare ogni qualvolta fa qualcosa in più per avvicinarsi alla soluzione;
L’esempio: Il partner umano mostra con il proprio corpo o con la mano ciò che il cane deve fare andando a premiare i suoi tentativi di approssimarsi al comportamento voluto.

 Il bocconcino è l’elemento maggiormente utilizzato nell’apprendimento per conseguenza perché rinforza e sollecita l’espressione del cane. Il bocconcino è dato come “premio”, inaspettato, per rinforzare alcuni comportamenti socialmente adattativi o come “ricompensa”, una sorta di incentivo, per chiedere al cane un comportamento, ossia, per focalizzare la sua attenzione verso l’obiettivo.
Talvolta il bocconcino diventa esso stesso “obiettivo”, come nel caso dei giochi di attivazione mentale, dove è nascosto (sotto un bicchierino o una copertura) e il cane deve mettere in atto un comportamento, come prendere con la bocca e alzare o spostare con la zampa per poterlo raggiungere.
Altre volte il bocconcino viene utilizzato per richiamare il cane, in questo caso parliamo di “esca”. L’utilizzo del bocconcino nelle situazioni di didattica lo trasforma in “aspettativa” ed è arduo distinguere se premio o ricompensa. Tuttavia un eccesso di utilizzo del bocconcino può rendere il cane troppo dipendente dal premio alimentare e questo non facilita il suo equilibrio.

Tratto da “Dizionario Bilingue Italiano/cane – Cane/Italiano, di Roberto Marchesini 2010, Sonda Editore