Get Adobe Flash player

"Meticolosamente addestrato, un uomo, può diventare il migliore amico di un cane.  (Ford)

 

News24h

Anziano patteggia la pena...

Ha patteggiato la pena, l’84enne pensionato protagonista di un atroce caso di maltrattamento

Leggi tutto...

LAV: Sperimentazioni

“Sono state rese pubbliche le statistiche riguardanti il numero di animali usati per fini sperimentali nel 2015.

Leggi tutto...

Pasqualino...

Non ce l’ha fatta a sopravvivere Pasqualino, il cagnolino trovato

Leggi tutto...

Non solo Cinofilia

Sti nobili...

Un barone inglese invita un amico a trascorrere qualche giorno di vacanza nel proprio castello. 

Una mattina i due vanno a caccia ed il barone

Leggi tutto...

 

In questo blog verranno date risposte
alle domande che ci invierete da quì:

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 


Indica la tendenza a considerare l'uomo al centro e tutta la realtà non umana a lui funzionale; è sicuramente il più grosso ostacolo per capire l'alterità animale e parimenti per comprendere l'apporto referenziale che gli animali hanno dato e danno all'uomo per la

strutturazione della sua identità (per capire cioè la zooantropologia); possiamo dividerlo in:

a) antropocentrismo ontologico, vale a dire ritenere l'uomo un'entità totalmente separata dal mondo e che costruisce il suo profilo per disgiunzione e per emancipazione dalle alterità animali, dove si nega o comunque si neglige l'apporto della referenza animale;

b) antropocentrismo epistemologico, vale a dire ritenere l'uomo misura e sussunzione del mondo, ovvero ritenere le sue caratteristiche di interfaccia al mondo degli assoluti, dove si rende difficile la comprensione della diversità animale;

c) antropocentrismo etico, vale a dire ritenere solo l'uomo degno di attenzione morale e portatore pertanto di diritti inerenti che sollecitano una riflessione sulla condotta, dove si ritiene che l'animale sia solo mezzo per l'uomo.

L'antropocentrismo nega all'animale il carattere di alterità:

a) lo stato di soggetto ovvero di entità attiva e dialogica;

b) lo stato di diversità ovvero di entità portatrice di una prospettiva diversa;

c) lo stato di singolarità, ovvero di posizionamento nel qui e ora.

L'antropocentrismo è causa delle due forme più comuni di negazione dell'alterità animale:

1) la reificazione, dove l'eterospecifico viene interpretato per opposizione all'uomo;

2) l'antropomorfizzazione, dove l'eterospecifico viene interpretato per assimilazione all'uomo.

In entrambe di queste visioni si viene a perdere il significato dialogico dell'animale:

a) nella reificazione l'animale trasformato in oggetto non può avere quello status di soggetto requisito essenziale per poter dialogare;

b) nell'antropomorfizzazione l'animale privato delle sue caratteristiche non può esprimere i suoi contenuti.