Get Adobe Flash player

"Meticolosamente addestrato, un uomo, può diventare il migliore amico di un cane.  (Ford)

 

News24h

Anziano patteggia la pena...

Ha patteggiato la pena, l’84enne pensionato protagonista di un atroce caso di maltrattamento

Leggi tutto...

LAV: Sperimentazioni

“Sono state rese pubbliche le statistiche riguardanti il numero di animali usati per fini sperimentali nel 2015.

Leggi tutto...

Pasqualino...

Non ce l’ha fatta a sopravvivere Pasqualino, il cagnolino trovato

Leggi tutto...

Non solo Cinofilia

Sti nobili...

Un barone inglese invita un amico a trascorrere qualche giorno di vacanza nel proprio castello. 

Una mattina i due vanno a caccia ed il barone

Leggi tutto...

Questo manuale vuole essere una presentazione teorica e pratica di un modo completamente nuovo di considerare il cane nei suoi

aspetti comportamentali e di apprendimento, fondato su due paradigmi di base: il “principio relazionale” e il “principio mentalistico”. L’approccio cognitivo e zooantropologico si basa ovviamente su metodi gentili e su correlate etnografiche, ma le sue specificità sono altre: la considerazione mentalistici del cane, la valutazione relazionale del processo educativo, l’impostazione pedagogica del training. Si tratta quindi di interpretare “il perché” del comportamento e “il come” della costruzione del profilo comportamentale, adottando un nuovo approccio in tutte quelle attività di interazione e di modificazione del comportamento (training, terapia) che oggi si è abituati ad interpretare in chiave performativa.

Autore: Roberto Marchesini

Editore: Alberto Perdisa Editore

Anno: 2007

Lingua: Italiano

Pagine: 278

ISBN: 978-88-8372-383-4